Radicut novità aggiornamento aprile 2016

A seguito di una nostra sollecitazione rivolta all’AIFA e pubblicata sulla nostra pagina facebook “Attualmente oltre 100 famiglie italiane importano il farmaco dal Giappone con non poche difficoltà affrontando costi mensili per oltre 1500€ Chiediamo pertanto un immediata e attenta valutazione della situazione al fine di chiarire la possibile commercializzazione agevolata del farmaco nel nostro Stato, consentendo inoltre una sensibile riduzione e presa in carico statale dei costi, perché è nostro dovere segnalare e stimolare le Vs autorità competenti al fine di garantire una valida risposta alle tante famiglie tuttora orfane di cura medica”
Il 25 l’Aifa dichiara quanto segue:

Gentilissimi,

su indicazione del Direttore Generale e del Presidente dell’AIFA, comunichiamo che AIFA non può di fatto obbligare l’azienda titolare di AIC del medicinale in Giappone a presentare un dossier di registrazione in Europa e in Italia. Tuttavia, al fine di consentire ai pazienti italiani di poter usufruire del medicinale a carico del SSN, ci sarebbe la possibilità di un inserimento del medicinale nelle liste di cui alla Legge 648/96. Vi suggeriamo, pertanto, come Associazione di Pazienti  di presentare una richiesta d inserimento al fine della valutazione e formulazione del parere da parte della Commissione consultiva Tecnico-Scientifica (CTS) dell’Aifa. A supporto della proposta di inserimento in una delle liste di cui alla L. 648/96, la documentazione deve comprendere, oltre a una relazione di carattere scientifico sulla patologia che ne rappresenti la gravità:

  1. razionale  e dati clinici (studi di fase I e II) a supporto del trattamento proposto;
  2. descrizione del piano terapeutico proposto (dosaggio, durata della terapia, criteri inclusione ed esclusione);
  3. stima del numero di pazienti che potrebbero usufruire del trattamento sul territorio nazionale;
  4. stima di spesa per il trattamento proposto;
  5. informazioni concernenti sperimentazioni cliniche ancora in corso (per indicazione proposta).

La richiesta e la documentazione a supporto dovranno essere indirizzati all’Ufficio Ricerca e Sperimentazione AIFA.

———————————–

Attualmente poiché posti in copia conoscenza i dottori Lunetta, Sabatelli, Chiò, Mandrioli e Caponnetto operano per formulare una proposta da presentare in AIFA.

Seguiranno aggiornamenti

Presidenza Viva la Vita Italia

Commenta

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.