Noi non ci siamo dimenticati…

Il 27 Giugno 2013 mancava all’affetto dei suoi cari Stefano Borgonovo, dopo sette anni di forzata convivenza con la “Stronza” vissuti con dignità e determinazione.

I malati di Sla vedevano in lui un esempio di coraggio di fronte all’atrocità della malattia e tante altre persone si sono lasciate coinvolgere dalla sua storia esemplare perché Stefano ha contribuito in modo decisivo a far conoscere la Sclerosi Laterale Amiotrofica e a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate alla malattia.

Lo ha fatto nel modo a lui più congeniale, attraverso il mondo del calcio che tanto gli aveva regalato negli anni d’oro della sua carriera, ma soprattutto con l’ironia e agilità di pensiero che lo rendevano comunque imprevedibile e sempre capace di fare goal nonostante vivesse una vita “in orizzontale” come racconta nel suo libro “Attaccante Nato” che rimane la testimonianza più pura di un’esperienza devastante e al tempo stesso degna di essere scritta.

Noi non ci siamo dimenticati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti può interessarre anche...

NEMO Napoli: Finalmente realtà

4 Luglio è un giorno molto importante perché al Centro Clinico NEMO di Napoli sono,…

Giornata Mondiale sulla SLA

Nella giornata mondiale sui diritti della sla vogliamo ricordare i fondamentali universali di tutti i…

Buone nuove in vista, riabilitazione via Skype per i malati di SLA per raggiungerli a domicilio

Nuovi servizi che migliorano gli aspetti sul monitoraggio e la riabilitazione dei malati neurodegenerativi, un…