Noi non ci siamo dimenticati…

Il 27 Giugno 2013 mancava all’affetto dei suoi cari Stefano Borgonovo, dopo sette anni di forzata convivenza con la “Stronza” vissuti con dignità e determinazione.

I malati di Sla vedevano in lui un esempio di coraggio di fronte all’atrocità della malattia e tante altre persone si sono lasciate coinvolgere dalla sua storia esemplare perché Stefano ha contribuito in modo decisivo a far conoscere la Sclerosi Laterale Amiotrofica e a sensibilizzare l’opinione pubblica sulle problematiche legate alla malattia.

Lo ha fatto nel modo a lui più congeniale, attraverso il mondo del calcio che tanto gli aveva regalato negli anni d’oro della sua carriera, ma soprattutto con l’ironia e agilità di pensiero che lo rendevano comunque imprevedibile e sempre capace di fare goal nonostante vivesse una vita “in orizzontale” come racconta nel suo libro “Attaccante Nato” che rimane la testimonianza più pura di un’esperienza devastante e al tempo stesso degna di essere scritta.

Noi non ci siamo dimenticati

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti può interessarre anche...

NEMO BRESCIA E CAMPIONI PER LA VITA

Viva la Vita Italia ha partecipato alla inaugurazione del Centro clinico NEMO Brescia fortemente voluto…

Giornata nazionale SLA 2020

Quest'anno Viva la Vita Italia vuole celebrare la giornata SLA invitando la comunità scientifica a…

Un nuovo potenziale approccio terapeutico

I ricercatori del San Raffaele hanno associato per la prima volta un malfunzionamento del complesso…

SLA: un nuovo test della saliva svela dai sintomi alla diagnosi precoce

È importante sottolineare che i ricercatori hanno recentemente suggerito che riluzolo potrebbe essere ancora più…