Biogen annuncia i risultati Topline dello studio di fase 3 Tofersen e la sua estensione in aperto in SOD1-ALS - Viva La Vita Italia

Biogen annuncia i risultati Topline dello studio di fase 3 Tofersen e la sua estensione in aperto in SOD1-ALS

biogen-phase3

OTTOBRE 17, 2021 • INVESTOR RELATIONS

Nello studio di fase 3 VALOR, l’endpoint primario misurato dalla Revised Amyotrophic Lateral Sclerosis Functional Rating Scale (ALSFRS-R) non ha raggiunto la significatività statistica; tuttavia, sono stati osservati segni di ridotta progressione della malattia su più endpoint secondari ed esplorativi.
La totalità delle evidenze di VALOR e la sua estensione in aperto in corso hanno mostrato che i partecipanti che hanno iniziato a fare riferimento in precedenza hanno sperimentato risultati migliori, suggerendo ulteriormente un effetto clinico positivo.
I dati Topline presentati oggi all’American Neurological Association 2021 Annual Meeting.
Data l’elevata necessità medica insoddisfatta, Biogen espanderà il suo programma di accesso anticipato (EAP) in corso alla più ampia popolazione di SOD1-SLA

CAMBRIDGE, Massachusetts, 17 ottobre 2021 (GLOBE NEWSWIRE) — Biogen Inc. (Nasdaq: BIIB) ha annunciato oggi i risultati principali del suo studio cardine di fase 3 VALOR su tofersen (BIIB067), un farmaco antisenso sperimentale in fase di valutazione per le persone con sclerosi laterale amiotrofica (SLA) da superossido dismutasi 1 (SOD1). Mentre tofersen non ha soddisfatto l’endpoint primario di cambiamento dal basale alla settimana 28 nella Revised Amyotrophic Lateral Sclerosis Functional Rating Scale (ALSFRS-R), le tendenze a favore di tofersen sono state osservate attraverso molteplici misure secondarie ed esplorative dell’attività biologica e della funzione clinica.

Inoltre, un’integrazione pre-specificata dei dati di VALOR e del suo studio di estensione in aperto (OLE) in corso ha rafforzato questi risultati e ha dimostrato che l’inizio precoce di tofersen ha portato a un minore declino attraverso più misure di funzione motoria, funzione respiratoria, forza muscolare e qualità della vita nelle persone con SOD1-SLA. La maggior parte degli eventi avversi sia in VALOR che in OLE sono stati di gravità da lieve a moderata, tra cui dolore procedurale, mal di testa, dolore alle estremità, caduta e mal di schiena.

Biogen si sta impegnando attivamente con le autorità di regolamentazione, la comunità medica, i gruppi di difesa dei pazienti e altre parti interessate chiave in tutto il mondo per determinare i potenziali passi successivi.

“I risultati dello studio VALOR sono incoraggianti in quanto mostrano la riduzione della proteina SOD1, la riduzione del neurofilamento, un potenziale biomarcatore per le malattie neurodegenerative e segnali positivi su più endpoint chiave, comprese le misure di aspetti importanti della vita quotidiana dei pazienti con SOD1-SLA”, ha detto Timothy Miller, M.D., Ph.D., ricercatore principale di VALOR e direttore del centro SLA presso la Washington University School of Medicine, San Luigi. “L’attesa per nuove opzioni è stata lunga e difficile per la comunità della SLA, e accogliamo con favore questo importante progresso della ricerca in questo spazio di malattia difficile da trattare”.

“I dati dello studio di fase 3 tofersen e della sua estensione in aperto hanno mostrato segni di rallentamento della progressione della malattia nelle persone con SOD1-SLA, una malattia rara e devastante che porta alla perdita delle funzioni quotidiane e, infine, alla morte”, ha affermato Alfred Sandrock, Jr., M.D., Ph.D., Head of Research and Development di Biogen. “A seguito di discussioni con ricercatori, bioeticisti e dopo aver ascoltato la voce dei gruppi di difesa dei pazienti, amplieremo l’accesso precoce a tofersen a tutti i pazienti SOD1-ALS idonei attraverso il nostro programma di accesso esteso già stabilito. Siamo grati per gli sforzi coraggiosi dei pazienti, delle famiglie, dei sostenitori e della comunità scientifica che hanno contribuito a questa importante ricerca”.

La SLA è una malattia neurodegenerativa progressiva che è uniformemente fatale con una sopravvivenza media da tre a cinque anni. La causa più comune di morte è l’insufficienza respiratoria. SOD1-ALS è una rara forma genetica di SLA che rappresenta circa il due per cento delle circa 168.000 persone stimate che hanno la malattia a livello globale. Attualmente, non ci sono opzioni di trattamento geneticamente mirate per la SLA.

Clicca qui per una scheda informativa per saperne di più sulla sclerosi laterale amiotrofica genetica (SLA):
http://ml.globenewswire.com/Resource/Download/ae9c9142-ae2a-4d95-8f6f-0b5cf6e80963

Alla luce del bisogno critico insoddisfatto, Biogen espanderà l’idoneità per il suo programma di accesso anticipato (EAP) in corso a tutte le persone con SOD1-ALS, nei paesi in cui tali programmi sono consentiti dalle normative locali e l’accesso futuro potrebbe essere garantito. I programmi EAP consentono ai pazienti di accedere gratuitamente a un farmaco prima che il trattamento sia concesso in licenza commerciale. Se non viene stabilito un chiaro percorso in avanti per tofersen, o se un altro studio controllato è richiesto dalle autorità di regolamentazione, Biogen può rivedere o interrompere l’EAP.

Gli studi VALOR e Open-Label Extension

VALOR è stato uno studio di fase 3 di 28 settimane, randomizzato, in doppio cieco, controllato con placebo per valutare l’efficacia, la sicurezza e la tollerabilità, gli effetti farmacodinamici e biomarcatori di tofersen 100 mg negli adulti con SLA associata a una mutazione SOD1. In totale, 108 partecipanti sono stati randomizzati in VALOR (n = 72 a tofersen 100 mg e n = 36 a placebo). Sessanta di questi partecipanti hanno soddisfatto i criteri di arricchimento definiti dal protocollo dello studio per una rapida progressione della malattia, comprendente la popolazione di analisi primaria (“progresso più veloce”). Quarantotto partecipanti non hanno soddisfatto questi criteri di arricchimento prognostico (“progresso più lento”).

Lo studio di estensione in aperto è uno studio di fase 3 in corso per i partecipanti che hanno completato VALOR. Dei 108 partecipanti al VALOR, 95 si sono iscritti all’OLE.

Risultati Topline

In VALOR l’endpoint primario di efficacia della variazione dal basale alla settimana 28 nel punteggio totale della Revised Amyotrophic Lateral Sclerosis Functional Rating Scale (ALSFRS-R) nella popolazione di analisi primaria (a più rapida progredizione) non ha raggiunto la significatività statistica misurata da un’analisi congiunta (differenza di 1,2; p = 0,97).

Le tendenze favorevoli al tofersen sono state osservate attraverso molteplici misure secondarie ed esplorative dell’attività biologica e della funzione clinica, tra cui la funzione motoria, la funzione respiratoria e la qualità della vita. Sul primo endpoint secondario chiave di variazione rispetto al basale della proteina SOD1 del CSF totale, un marker di coinvolgimento target, sono state osservate differenze tra i gruppi tofersen e placebo del 38% e del 26% nelle popolazioni a progresso più veloce e più lento, rispettivamente. Sul secondo endpoint secondario chiave di cambiamento rispetto al basale nella catena leggera del neurofilamento plasmatico (NfL), un potenziale marker di degenerazione neuronale, sono state osservate differenze tra i gruppi tofersen e placebo del 67% e del 48% nelle popolazioni a progresso più veloce e più lento, rispettivamente.

Nella popolazione a più rapida progredizione, le tendenze hanno favorito le misure della funzione respiratoria (Slow Vital Capacity (SVC); differenza del 7,9% prevista) e della forza muscolare (dinamometro portatile (HHD); differenza di 0,02). Tendenze simili sono state osservate in più misure di esito esplorative riportate dal paziente di gravità della malattia, qualità della vita e affaticamento. Il tempo mediano all’evento non ha potuto essere stimato per le analisi di sopravvivenza a causa del basso numero di eventi nel periodo di 28 settimane.

Inoltre, con il follow-up a lungo termine nell’OLE, l’inizio anticipato di tofersen ha portato costantemente a una riduzione del declino delle misure della funzione clinica in tutta la popolazione.

Gli eventi avversi (AE) più comuni nei partecipanti che hanno ricevuto tofersen nello studio VALOR sono stati dolore procedurale, mal di testa, dolore alle estremità, caduta e mal di schiena. La maggior parte degli eventi eventi imprevisti sia in VALOR che in OLE erano di gravità da lieve a moderata. In VALOR, sono stati riportati eventi eventi A gravi nel 18,1% dei partecipanti trattati con tofersen e nel 13,9% di quelli trattati con placebo. Nel gruppo tofersen, il 5,6% dei partecipanti ha interrotto il trattamento a causa di un AE. Non ci sono state interruzioni dovute a eventi eventi AE nel gruppo placebo. Eventi neurologici gravi sono stati riportati nel 4,8% dei pazienti trattati con tofersen in VALOR e nel suo OLE, inclusi 2 casi di mielite (2,0%). C’è stato un decesso segnalato nel gruppo trattato con tofersen in VALOR, che è stato determinato non essere correlato a tofersen.

Dettagli della presentazione della riunione annuale dell’American Neurological Association (ANA)

I risultati di VALOR e OLE sono stati presentati all’ANA Annual Meeting.

Domenica 17 ottobre 2021, 16:20.m. ET – Risultati dello studio di fase 3 VALOR e della sua estensione in aperto: valutazione dell’efficacia clinica e della sicurezza di tofersen negli adulti con SLA e mutazione SOD1 confermata,presentato da Timothy Miller, M.D., Ph.D., ricercatore principale di VALOR e direttore del centro SLA presso la Washington University School of Medicine, St. Louis.

 

Fonte: Biogen

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti può interessarre anche...

Assemblea ordinaria soci 2021

Assemblea Annuale dei Soci Viva la Vita  Italia OdV per discutere e deliberare i seguenti…

Viva La Vita Italia dona un contributo di 5.000 euro al Centro NEMO di Napoli per l’acquisto di un elettromiografo

Viva La Vita Italia dona un contributo di 5.000 euro al Centro NEMO di Napoli…

#VaccinAbili – Viva La Vita Italia aderisce alla Campagna di Sollecitazione per il Vaccino alle persone con Disabilità

Le categorie vulnerabili con condizioni preesistenti, come i pazienti con SLA, meritano protezione immediata dal…