Iniezioni nel midollo spinale fermano la Sla nei topi

Roma, 14 febbraio 2020 (Agonb) – I ricercatori dell’Università della California a San Diego sono riusciti a bloccare, nei topi, l’evoluzione della Sla causata da una mutazione del gene Sod1 grazie a un virus reso inoffensivo, iniettato direttamente nel midollo spinale: veicolando una molecola di Rna capace di silenziare il gene malato, hanno interrotto la degenerazione dei neuroni che controllano il movimento.

I risultati dello studio sono stati pubblicati sulla rivista Nature Medicine. La tecnica, secondo gli scienziati, è valida anche nei maiali e nei primati, che hanno un midollo spinale di dimensioni simili a quelle degli esseri umani. Questo approccio terapeutico, spiega Martin Marsala, docente del Dipartimento di anestesiologia alla Uc San Diego School of Medicine, rappresenta la terapia più potente mai dimostrata in un modello murino di Sclerosi laterale amiotrofica legata a una mutazione del gene Sod1. (Agonb) Nfa 09:30.

 

Fonte: onb.it

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Ti può interessarre anche...

Giornata nazionale SLA 2020

Quest'anno Viva la Vita Italia vuole celebrare la giornata SLA invitando la comunità scientifica a…

Un nuovo potenziale approccio terapeutico

I ricercatori del San Raffaele hanno associato per la prima volta un malfunzionamento del complesso…

SLA: un nuovo test della saliva svela dai sintomi alla diagnosi precoce

È importante sottolineare che i ricercatori hanno recentemente suggerito che riluzolo potrebbe essere ancora più…

Nuovi approfondimenti sul Riluzolo

È importante sottolineare che i ricercatori hanno recentemente suggerito che riluzolo potrebbe essere ancora più…